SENZA IMPRESA NON C’E’ ITALIA. RIPRENDIAMOCI IL FUTURO.

Print Friendly and PDF

Sarà la prima volta nella storia della seconda Repubblica che oltre 20 mila piccoli imprenditori si mobiliteranno per manifestare la gravità della situazione delle loro imprese. Diventerà la 'giornata' emblema delle imprese artigianali e commerciali del territorio padovano e di tutta l'Italia.

Il tessuto produttivo del Paese, quel tessuto che ha reso il nord est modello di sviluppo europeo e che oggi è allo stremo, senza le molte aziende che hanno chiuso si troverà coeso per la prima volta a manifestare e a dimostrare la sua forza.

I temi della manifestazione sono ben chiari:

· Una pressione fiscale che schiaccia imprese e famiglie

· Un sistema burocratico che si trasforma in un calvario ad ogni iniziativa imprenditoriale

· Un sistema di tassazione locale che ha assunto dimensioni insopportabili

Sia chiaro: la manifestazione PROPOSITIVA avrà lo scopo di METTERE IN CAMPO QUESTE RICHIESTE:

· minori vincoli sul costo del lavoro per poter assumere i giovani

· il ritorno degli investimenti da parte delle banche a favore delle imprese e delle famiglie, a favore dell’economia reale

· lo Stato deve pagare i debiti che ha con le imprese;

· la fine di un'epoca in cui vige la sola politica del rigore e l'inizio di interventi di forte impulso per la ripresa economica

· l'approvazione di misure urgenti e idonee a garantire alle imprese la possibilità di resistere alle difficoltà e tornare da subito allo sviluppo.

 

In definitiva il mondo unito delle imprese padovane e italiane, scendendo in piazza, chiede alla politica e al governo di smetterla con le parole e di passare ai fatti.