Intervista a Guerrino Gastaldi La svolta delle rappresentanze artigiane padovane

Print Friendly and PDF

La nuova costituente CNA-UPA rafforzerà il peso e il valore delle piccole imprese padovane

E’ stato uno dei leitmotiv dell’ultimo congresso CNA Padova e uno dei punti su cui si è sviluppato il rinnovo primaverile delle dirigenze dell’UPA. Uniamo le forze, le competenze, le eccellenze per diventare un grande sistema rappresentativo di imprese che possa contare di più, sulle scelte e sugli sviluppi del nostro territorio. 

Abbiamo chiesto al presidente di CNA Padova Guerrino Gastaldi, quali sviluppi avrà questa nuova sinergia tra Confartigianato e CNA.

Presidente, la fusione era nell’aria, ma come mai quest’accelerazione improvvisa?

All’ultimo congresso CNA Padova, la possibile fusione era stata argomentata sia negli incontri pre congressuali nei territori e tra le categorie, sia nella conclusiva assemblea elettiva. 

C’è da dire che il taglio dell’argomentazione pareva un confronto più che un dato di fatto… 

C’è stato un lavoro nelle categorie, nei territori in cui i dirigenti di UPA e CNA hanno lavorato insieme. Non trascuriamo poi, gli effetti positivi dell’esperienza condivisa con il consorzio fidi Sviluppo Artigiano che da tre anni sta portando parecchi risultati…

Però non potete negare che una notizia così, ex abrupto, non desti scalpore…

Perché? Il rinnovo delle cariche dell’UPA avvenuto in primavera, ha dato il via alla discussione e per tanto si è colta l’occasione della loro convention, primo appuntamento del percorso formativo per i nuovi dirigenti eletti, per dare ufficialità alla notizia.

Cos’accadrà allora, domani? Gli imprenditori padovani saranno rappresentati da un’unica sigla?

Abbiamo istituito un tavolo comune, dove deporre le prossime manovre operative.

Perché lo fate?

Perché ce lo chiedono da tempo gli imprenditori, perché quando dobbiamo difendere una causa, lo facciamo già congiuntamente, perché quando dobbiamo confrontarci con le istituzioni operiamo già da tempo insieme, perché è il momento di dimostrare che agire congiuntamente ci farà agire meglio, nel bene di tutte le imprese!

Non è che velatamente state giocando in difesa?

No. Al contrario, è una scelta che guarda avanti e assolutamente in attacco, per continuare con la metafora nella sua domanda. E’ una scelta di frattura con gli schemi tradizionali del passato di vedere il mondo delle associazione di categoria. E’ una scelta che non riguarda il futuro delle associazioni, ma solo il futuro degli imprenditori uniti nelle associazioni.