Fare "scuola" di impresa alla scuola media

Print Friendly and PDF

Impara l’arte e mettila da parte. Un proverbio che i nostri nonni ci hanno insegnato, ancor oggi molto attuale e che il sindaco di Cadoneghe, Michele Schiavo, ha ricordato incoraggiando i ragazzi delle classi terze della scuola media Don Milani.
Quindici alunni hanno assistito a una lezione di orientamento formativo interessante quanto inusuale, organizzata intrecciando le sinergie della scuola media, del Comune e di CNA Padova. Due ore di lezione dove quattro maestri acconciatori di CNA Padova hanno raccontato e spiegato ai ragazzi il percorso formativo per diventare acconciatori e imprenditori di successo.
Matteo Massarotto, Giorgio Neri, Alessandra Bedin e Maria Teresa Tiozzo coordinati da Silvia Veronese, giornalista e responsabile della categoria Benessere per Cna Padova, hanno saputo tenere vigili i ragazzi. Denso di significato per i ragazzi e per i docenti, il passaggio del sindaco Schiavo che ha evidenziato l’importanza di aprire le scuole al mondo dell’impresa e viceversa."Le maestranze vengono nelle scuole a fare orientamento, perché è importante che i ragazzi sappiano che oltre ai percorsi scolastici tradizionali, c’è anche la possibilità di perseguire una inclinazione  verso l’acquisizione di un mestiere. Il parrucchiere, l’acconciatrice, restano discipline piene di fascino, commiste all’arte che richiedono comunque un grande impegno e molta volontà”, osserva Veronese."Ragazzi, toglietevi dalla testa che si possa fare il nostro mestiere studiando poco!... Io sono stata bocciata un sacco di volte… non è facile, ma alla lunga premia”, puntualizza Tiozzo.
"Conoscere. Prima di tutto siate curiosi in questo mestiere che è un’arte e è una passione”, stigmatizza Massarotto che è anche presidente della sede CNA di Cadonegne. La bellezza salverà il mondo ha scritto Dostoevskij nel suo romanzo capolavoro L’idiota. "Studiare e impegnarsi per fare il lavoro del parrucchiere, significa avere nelle mani la capacità di offrire benessere e quindi bellezza alle persone. E’ una missione non un semplice mestiere”, aggiunge Neri.
"Intraprendere questo percorso formativo è una sfida, è sapere che da una predisposizione naturale, potrà nascere qualcosa che potrete dire di aver creato voi. Sentirete sempre il bisogno di sapere di più, insieme a quello di vivere delle molte soddisfazioni che vi darà questo lavoro”, aggiunge Bedin.I ragazzi hanno bombardato di domande i parrucchieri, chiedendo consigli sulle scuole da frequentare. Purtroppo in Padova e provincia non ci sono scuole professionali accreditate dalla regione Veneto, ma ha ottime accademie."La CNA di Padova si sta attivando con le scuole professionali locali per avviare un corso riconosciuto dalla Regione di acconciatura e che vedrà coinvolti come docenti anche gli imprenditori stessi”, chiude Veronese.