CNA PADOVA BENESSERE. 25 ANNI DI POESIE ED ESTETICA 4.0

Print Friendly and PDF

Oggi il presidente della CNA di Padova, Guerrino Gastaldi ha consegnato a Susanna e Cinzia Furlan, l'attestato per i 25 anni della loro attività nel centro estetico Susi&Cinzia di via Acquapendente a Padova. Un riconoscimento ufficiale che la confederazione degli artigiani di Padova riconosce alle sue aziende associate, come attestazione di orgoglio e valore di appartenenza.

Sabato 26 alle 18.00 la festa aperta al pubblico nel centro estetico.

"E' sempre una gioia e un onore stringere la mano a imprenditrici come Susanna e Cinzia Furlan  che riconoscono alla nostra associazione un valore e credono ancora nel senso di appartenenza", esordisce Gastaldi, consegnando l'attestato alle titolari del centro estetico. 
Un centro estetico 4.0, dove la più sofisticata tecnologia nell'ambito dei macchinari per i trattamenti estetici, si unisce a una professionalità eccellente. 
Un centro estetico 4.0 anche per l'informatizzazione e la gestione tutta digitale dei clienti. Tecnologiche al massimo, le sorelle Furlan che come in un matrimonio, hanno attraversato alti e bassi, in 25 anni hanno fatto passi da gigante. 
Due donne piene di risorse. Susanna è una poetessa con due pubblicazioni alle spalle, un audio libro "Il profumo dell'anima" e Cinzia, esperta in meditazione e di filosofie orientali. Questo bel negozio ha all'attivo 750 clienti, di cui 350 fidelizzati e 470 leads.
 
"In questo ultimo periodo abbiamo un sacco di clienti nuovi. Aver investito nel web, in un sito che monitoriamo attraverso google analytics per capire come intervenire e creare nuove strategie di comunicazione, ha portato i suoi frutti", dicono le sorelle Furlan.
 
Come ha dimostrato il recente rapporto di CNA Padova sull'economia padovana, le attività legate ai servizi alla persona hanno segno più, con una crescita del 3% e con un 108 di saldo positivo nel 2017 di aziende del benessere. 
 
"Quella tendenza nazionale che ha fatto registrare un numero giù alto di direttori tecnici maschi rispetto alle colleghe donne che hanno sempre avuto il primato assoluto di una categoria per lo più a quote rosa, ci fa capire che in questo settore stanno cambiando molte cose. 
Stiamo verificando anche nel nostro territorio con un nuovo studio che presenteremo a breve quali siano gli scenari. Resta il fatto che le abitudini del tessuto socio-culturale della provincia stanno cambiando e si stanno allineando a quelle delle grandi città metropolitane. Infatti, la presenza maschile in questo settore sta crescendo non solo a livello imprenditoriale ma anche a livello di clientela. In media la crescita si aggira intorno al 25/30% sul parco clienti", precisa Silvia Veronese, responsabile categoria benessere.