Gli imprenditori CNA impegnati per qualificare la scuola

Print Friendly and PDF

VENERDI' 8 GIUGNO 2018 - II MARCONI - PADOVA
Raccontami e io dimentico, fammi vedere e io ricordo, fammi fare e io imparo.
In sintesi è quanto è accaduto a 40 ragazzi dell'IIS Marconi di Padova e IIS Euganeo di Este. Riuniti nell'aula magna dell'istituto tecnico patavino, alunni, imprenditori, professori e dirigenti scolastici, hanno scelto l'ultimo giorno di scuola per organizzare il loro 'giorno' dei ringraziamenti e dei riconoscimenti. 
 
LA CNA HA MESSO INSIEME TUTTE LE TESSERE DEL MOSAICO
"Tutto questo è stato possibile al di fuori di qualsiasi finanziamento pubblico e ci tengo a dirlo -precisa Federico Ambrosi, responsabile Unione produzione CNA Padova. CNA Padova ha cercato le aziende; le famiglie degli studenti coinvolti hanno dato un contributo per la qualifica del saldatore (60€), la scuola ha messo a disposizione i docenti, le imprese coinvolte (12) hanno dato un contributo di 4000 € complessivi.  
E' sorprendente che in assenza di contributi straordinari, tutti gli attori pubblici e privati coinvolti si siano concentrati su un obiettivo condiviso e l'abbiano raggiunto con grande soddisfazione a partire dagli studenti", prosegue Federico Ambrosi. Anche alcuni imprenditori hanno dimostrato l'interesse per continuare a seguire il percorso e, magari, assumere i giovani qualificati.
 
Un po' di numeri. 
Nell'anno scolastico 2017/18 gli alunni della provincia di Padovano sono stati 36.080
di cui 35.387 al corso diurno e 693 al corso serale
Nell'anno scolastico 18/19 sono previsti 36.337 alunni iscritti di questi, 20.623 a Padova, il resto in provincia. 
Alle scuole tecniche Marconi, Severi e Bernardi gli alunni sono stati 3185, 106 in meno rispetto allo scorso anno. Le iscrizioni alla scuole tecniche sono diminuite anche a livello nazionale, ma nel nostro territorio a vocazione produttiva il dato è significativo di una tendenza che porta gli alunni a scegliere (magari con una forzatura) indirizzi scolastici propedeutici a proseguire gli studi.
Il lavoro c'è, dicono gli imprenditori, ma mancano le professionalità qualificate. La difficoltà a reperire manodopera qualificata resta un problema cronico del nostro territorio. Ed è proprio per colmare questo deficit che si deve leggere l'iniziativa della consegna dei 40 patentini di saldatura. 
 
NON E' ALTERNANZA SCUOLA LAVORO MA MATERIA CURRICOLARE
In tutto 40 ragazzi dei due istituti superiori hanno lavorato a fianco degli imprenditori che volontariamente hanno dato sia disponibilità di tempo per mettere a disposizione la loro esperienza e seguire le fasi del percorso "Diplomato più", sia di in termini di contributo economico. 
"Faremo di tutto perché questa opportunità che hanno apprezzato e colto alcuni dei nostri studenti, diventi materia curricolare per chi abbia voglia di misurarsi con un mercato del lavoro sempre più esigente. Vedere insieme imprenditori (sono 15 le imprese piccole e grandi coinvolte nel progetto, ndr) e alunni, è stata una sorpresa. Finalmente non è solo una leggenda, ma le imprese hanno iniziato a fare 'scuola' alle nostre scuole, precisa il dirigente scolastico del Marconi, Roberto Turetta.
"Chi ha le competenze è una persona libera. Chi acquisisce competenze valide, può fare un servizio per gli altri. Realizzare una saldatura come si deve è come fare un esame di concorso. La dignità si conquista con la competenza", aggiunge il preside Francesco Bussi dell'Euganeo.
"I ragazzi domani si ricorderanno di questa esperienza, anche se passeranno prima dai banchi dell'università. Mi chiedete se questi giovani siano in grado di fare una saldatura senza rischi, per un pezzo da immettere sul mercato? Sì certo, hanno preso di petto tutti il corso e non abbiamo regalato niente a nessuno", precisa Stefano Ravagli, direttore di ASQSTS, ente che ha esaminato e emesso i certificati a norma di legge.
 
IL PROGETTO DIPLOMATO PIU'
Il progetto è frutto del lavoro di coordinamento fra i due istituti grazie in particolare ai professori:  Mariangela Rosa, Arturo Aloisio , Giovanni Amoruso e Federico Pavan.
Gli imprenditori hanno contribuito in vari modi. Dalla messa a disposizione dei materiali a chi ha dato un contribuito economico a chi ha offerto la sua esperienza. Laboratori in orario curricolare.
24 studenti del Bernardi di Padova e 15 dell'IIS Euganeo di Este hanno conseguito una qualifica in saldatura (acciaio) o in brasatura (leghe di rame).
Le scuole hanno proposto un percorso curricolare che avesse uno sbocco di tipo professionale, come la qualifica (patentino) del saldatore con tutti i crismi del caso. I ragazzi hanno fatto 40 ore di formazione sia teorica che pratica sulla saldatura.
 
I PATENTINI CONSEGNATI
CNA Padova e ASQSTS, l'azienda che ha predisposto il percorso formativo speciale di saldatura e brasatura, svolto nei rispettivi laboratori scolastici che ha avuto l'obiettivo di conseguire la qualifica di saldatore e di brasatore secondo le norme tecniche di riferimento e secondo le capacità dei singoli studenti. 
 
LA SCUOLA DI SALDATURA
ASQ STS, società specializzata in servizi di formazione alle imprese e qualifiche per saldatura, ha dato il sostegno tecnico per formare i docenti di laboratorio, trasferire ai ragazzi competenze sulla norma tecnica e infine per certificare i ragazzi nei vari processi di saldatura (MAG, TIG, Elettrodo, Ossiacetilene).