MISURE RESTRITTIVE TRAFFICO A PADOVA. DAL 16 OTTOBRE SCATTA IL LIVELLO ARANCIO

Print Friendly and PDF

Da domani, martedì 16 ottobre, scatta il livello di “allerta arancio” nel comune di Padova, che rende ancora più stringenti le limitazioni al traffico nell’area urbana del comune.
E' vietata la circolazione, da lunedì A DOMENICAdalle 8:30 alle 18:30 (con esclusione dei giorni festivi infrasettimanali) di:

  • veicoli (privati e commerciali) alimentati a benzina Euro 0 e Euro 1,
  • veicoli (privati e commerciali) alimentati a diesel Euro 0, Euro 1, Euro 2 ed Euro 3
  • VEICOLI PRIVATI ALIMENTATI A DIESEL EURO 4
  • motoveicoli e ciclomotori a 2 tempi immatricolati prima dell'01/01/2000 o non omologati ai sensi della direttiva 97/24/CE.


    REGIONE VENETO. CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA ROTTAMAZIONE DI VEICOLI COMMERCIALI INQUINANTI.

La Regione Veneto ha emesso un bando per la concessioni di contributi per la rottamazione di veicoli commerciali inquinanti. L’agevolazione consiste in un contributo a fondo perduto per la rottamazione di veicoli N1 ed N2 (sono esclusi gli N3 – veicoli con massa superiore a 12t) ed il contestuale acquisto di automezzi a basso inquinamento secondo la tabella seguente:

 

Tipologia mezzo acquistato

Mezzo rottamato

N1

N2

1-1,49t

1,5-2,49t

2,5-3,49t

3,5-7t

>7<=12t

Elettrico puro

6.000

7.000

7.500

8.000

10.000

Ibrido (full o plug-in) o metano (mono e bifuel)

4.000

4.500

5.000

7.000

8.000

Gpl (mono e bifuel)

3.000

3.500

4.000

5.500

7.000

(valori in Euro)

 

SOGGETTI AMMESSI A PRESENTARE LA DOMANDA

  • Imprese classificate come micro, piccole e medie;
  • Proprietarie (no leasing) di un autoveicolo per il trasporto in conto propriodi categoria N1-N2 da rottamare, in classe da Euro 0 a Euro 3;

Ciascuna impresa può ricevere il contributo per un solo veicolo.

Il veicolo acquistato deve essere di nuova immatricolazione e di classe Euro 6 (escluso l’elettrico puro).

È escluso l’acquisto in leasing.

La proprietà dovrà essere mantenuta per almeno un anno dall’acquisto.

Il contributo è in regime di DE MINIMIS: l’importo complessivi degli aiuti de minimisconcessi all’impresa non può superare i 200 mila euro in tre esercizi finanziari.

I contributi del bando sono cumulabili con altri aiuti.

SOGGETTI ESCLUSI

  • Enti e istituzioni senza fini di lucro;
  • Amministrazioni pubbliche;
  • Imprese nella sezione “A” Ateco 2007;
  • I trasportatori in conto terzi iscritti all’albo.

 

SCADENZE
PRIMA FASE
Le domande possono essere presentate entro il 12/11/2018. Il nuovo veicolo deve essere acquistato entro il 31/12/2018. La rottamazione del vecchio veicolo deve avvenire entro il 15/04/2019.

SECONDA FASE
Le domande possono essere presentate dal 13/11/2018 al 28/02/2019. Il nuovo veicolo deve essere acquistato entro il 31/05/2019. La rottamazione del vecchio veicolo deve avvenire entro il 09/08/2019.
Per la concessione del contributo VERRÀ FORMATA UNA GRADUATORIA, prima sulla base della dimensione dell’impresa (prima 3 imprese micro, poi 1 piccola e 1 media) poi in ordine cronologico secondo l’arrivo della domanda. I contributi verranno erogati entro il 30/04/2019 per le domande della prima fase ed entro il 31/08/2019 per le domande della seconda fase.

PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA: documentazione
La domanda va presentata esclusivamente via PEC.
Documenti richiesti

  • Documento di identità del legale rappresentante.
  • Visura camerale
  • Numeri di iscrizione agli enti previdenziali, assistenziali ed assicurativi (INPS, INAIL, Cassa Edile, altra cassa previdenziale)
  • Carta di circolazione del veicolo da rottamare.
  • Dati relativi al mezzo da acquistare (tipologia del mezzo e dell’alimentazione)
  • Modulo di domanda
  • Dichiarazione aiuti “De Minimis”
  • Dichiarazione aiuti “De Minimis” imprese controllanti o controllate
  • Dichiarazione sostitutiva sull’assolvimento dell’imposta di bollo per istanza di ammissione al contributo
  • Dichiarazione sostitutiva di cui alla DGR n.690/2018 (modulo per le persone giuridiche).

RICHIESTA DEL CONTRIBUTO E RENDICONTAZIONE DELL’INVESTIMENTO: documentazione

  • Carta di circolazione del veicolo acquistato.
  • Copia quietanzata delle fatture di acquisto.
  • Copia dell’attestazione di pagamento del primo bollo o certificazione di eventuale esenzione.
  • Copia della visura del certificato PRA attestante la rottamazione del vecchio veicolo.
  • Dichiarazione sostitutiva attestante la conformità agli originali dei documenti precedenti.

Per informazioni:

Michele Pasqualotto    049 8062220
Catia Ventura             049 8062274
bandi@cna.pd.it