LEGGE DI BILANCIO 2020
ALCUNI PUNTI SU CUI FARE ATTENZIONE! 

Print Friendly and PDF

Legge di Bilancio 2020 – alcuni punti su cui fare attenzione! Per maggiori informazioni, rivolgetevi al vostro consulente Cna o scrivete a servizi@pd.cna.it per conoscere i nostri servizi

TASSABILITA’ DEI BUONI PASTO

Dall’1/01/2020 vengono tassati nella busta paga dei dipendenti i buoni pasto:
-CARTACEI qualora superino l’importo complessivo giornaliero di euro 4
(fino al 31/12/2019 era euro 5,29);
-ELETTRONICI qualora superino l’importo complessivo giornaliero di euro 8
(fino al 31/12/2019 era euro 7).
Vi sono alcune eccezioni per talune mense organizzate o per addetti di cantiere.

MODIFICATA LA TASSABILITA’ DEI FRINGE BENEFIT

Per gli autoveicoli / motocicli / ciclomotori assegnati in uso promiscuo ai dipendenti.

Per i contratti stipulati dopo il 30 giugno 2020, la tassazione non sarà più sul 30% dell’ammontare sulla percorrenza convenzionale annua di 15.000 km, sulla base del costo chilometrico ACI, al netto dell’eventuale ammontare trattenuto al dipendente, ma le percentuali saranno diverse a seconda delle emissioni di CO2:

% ammontare da tassare Emissioni di CO2 Anno
25% fino a 60 g/km 2020
30% da 60 g/km a 160 g/km 2020
40% da 160 g/km a 190 g/km 2020 + 10% nel 2021
50% oltre 190 g/km 2020 + 10% nel 2021


RITENUTE E COMPENSAZIONI SUGLI APPALTI E SUBAPPALTI

Obblighi e responsabilità per i committenti e per i prestatori di opere e servizi!
Sanzioni e responsabilità del Committente per le ritenute non versate per i dipendenti dall’impresa esecutrice, qualora non sospenda il pagamento dei corrispettivi maturati!

Entrata in vigore:
1/01/2020 (anche con riferimento ai contratti antecedenti ma ancora in essere all’1/01/2020). Prima scadenza: ritenute del 17/02/2020.

Quando si rientra nell’OBBLIGO?

Qualora l’impresa esecutrice sia priva del certificato di affidabilità* e soltanto in presenze di tutte e tre le seguenti condizioni:
1) importo complessivo annuo dei lavori affidati, anche con più contratti, superiore a euro 200.000;
2) utilizzo prevalente di “manodopera” presso le sedi di attività del committente;
3) utilizzo di beni strumentali del committente.

Quali sono gli obblighi e le responsabilità(in “assenza” del certificato di affidabilità)
L’impresa “esecutrice” deve:
- versare l’irpef dei lavoratori con un F24 distinto per committente
- trasmettere al committente (o impresa appaltatrice) nei 5 giorni lavorativi successivi alla scadenza il modello F24 riferito ai lavoratori interessati con l’elenco dei nominativi, delle ore, la retribuzione, il dettaglio delle ritenute e così via.

Il committente deve:
-verificare il versamento delle ritenute;
-sospendere il pagamento dei corrispettivi maturati nel caso di inadempienza;
-e comunicarlo all’Agenzia delle Entrate entro 90 giorni

*Cos’è il certificato di affidabilità?
- è rilasciato dall’Agenzia delle Entrate e vale 4 mesi
- per le imprese in attività da almeno 3 anni, in regola con gli obblighi dichiarativi e con le imposte (o almeno per una determinata percentuale delle stesse)
- che non abbiano iscrizioni a ruolo /avvisi accertamento /avvisi di addebito, scaduti e non pagati, superiori a euro 50.000 euro.