IL “DECRETO ENERGIA”

Print Friendly and PDF

Il Decreto ha prorogato al 31.12.2013 la detrazione IRES/IRPEF per i lavori di riqualificazione energetica del patrimonio immobiliare esistente (30 giugno 2014 per inventi su parti condominiali) fissandola al 65% delle spese sostenute (fino al 5 giugno la misura era del 55%) ed usufruibile in 10 quote annuali da far valere nella dichiarazione dei redditi. Da aggiungere che il "plafond” di "detrazione massima” concesso non è stato modificato, pertanto, aumentando la misura della detrazione è diminuito il monte spesa massima su cui calcolare la detrazione.

Gli interventi agevolabili sono i seguenti:

Interventi agevolabili

Detrazione massima

Spesa massima

(01.01-5.06.2013)

Spesa massima

(6.06 -31.12.2013)

Interventi di riqualilificazione energetica di edifici esistenti che conseguono un valore limite di fabbisogno di energia primaria annuo per la climatizzazione invernale inferiore di almeno il 20% rispetto ai valori delle Tabelle di cui al Provvedimento 19.02.2007 e Decreto 11.3.2008

 

 

 

€ 100.000

 

 

 

€ 181.818

 

 

 

€ 153.846

Interventi su edifici esistenti o unità immobiliari, riguardanti strutture opache verticali (pareti), strutture opache orizzontali (coperture e pavimenti), finestre comprensive di infissi delimitanti il volume riscaldato verso l’esterno e verso vani non riscaldati, nel rispetto di determinati requisiti di trasmittanza termica.

 

 

 

€ 60.000

 

 

 

€ 109.091

 

 

 

€ 92.308

Installazione di panelli solari per la produzione di acqua calda per usi domestici o industriali.

 

€ 60.000

 

€ 109.091

 

€ 92.308

Sostituzione (integrale o parziale) di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione e contestuale messa a punto del sistema di distribuzione ovvero dal 2008, con impianti dotati di pompe di calore ad alta efficienza o con impianti geotermici a bassa entalpia e dal 2012 di scaldacqua a pompa di calore dedicati alla produzione di acqua calda sanitaria, nel rispetto dei valori di prestazione ed efficienza energetica fissati dalle apposite tabelle.

 

 

 

 

€ 30.000

 

 

 

 

€ 54.545

 

 

 

 

€ 46.153

 

Detrazione del bonus potenziato sui lavori di recupero del patrimonio edilizio

Il Decreto Energia ha prorogato anche la detrazione IRPEF potenziata al 50% delle spese sostenute fino al 31.12.2013, per lavori di recupero sulle unità immobiliari residenziali, con un tetto massimo di spesa (su cui calcolare la detrazione) di euro 96.000 per ciascuna unità immobiliare. La detrazione va ripartita in 10 quote annuali da far valere nella dichiarazione dei redditi.

Per lavori di recupero si intendono gli interventi di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione ed altri interventi quali la realizzazione di autorimesse, lavori finalizzati all’eliminazione delle barriere architettoniche, interventi di bonifica dell’amianto, interventi per l’adozione di misure finalizzate a prevenire il rischio di atti illeciti, interventi finalizzati al conseguimento di risparmi energetici, alla cablatura degli edifici, al contenimento dell’inquinamento acustico. I lavori di manutenzione ordinaria rientrano nell’agevolazione solo se eseguiti sule parti comuni condominiali.

Le spese relative all’adozione di misure antisismiche, attivate dal 5 agosto 2013, su edifici ricadenti nelle zone sismiche ad alta pericolosità (zone 1 e 2) relative ad abitazione principale o ad attività produttive, usufruiscono di una detrazione pari al 65% fino al 31.12.2013.

 

Detrazione per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici

Ai contribuenti che usufruiscono della detrazione per lavori di recupero del patrimonio edilizio è riconosciuta una detrazione pari al 50% delle ulteriori spese sostenute per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici di classe non inferiore alla A+, nonché A per i forni, dal 6 giungo 2013 al 31 dicembre 2013. La detrazione si calcola su un plafond massimo di spesa pari a euro 10.000 e va usufruita in 10 quote annuali di pari importo in sede di dichiarazione dei redditi.

Per usufruire della predetta detrazione è necessario effettuare il pagamento tramite bonifico bancario o postale (ed indicando la causale, codice fiscale del beneficiario della detrazione e codice fiscale/partita iva del beneficiario del bonifico).